VILLASI10080Oggi di nuovo e come ogni anno,  nell’occasione della presentazione delle nuove annate di Premium Distribuzione, svoltasi a Calenzano (Fi), all’interno dei saloni dell’Hotel 500, ho avuto il piacere di degustare i vini di Romano Dal Forno. L’Azienda Dal Forno si trova a Cellore d’Illasi (VR), nella parte più orientale della Valpolicella. L’azienda sorge a metà della Valle in una zona pianeggiante situata a ridosso delle colline,  estremamente soleggiata e da sempre vocata alla produzione del vino. La proprietà possiede  27 ettari vitati  e oltre a degustare ho  conversato con il produttore, il quale mi ha illustrato la filosofia aziendale, apprendendo e apprezzando l’eccellente qualità dei loro vini. A partire dagli anni ottanta, i vini di Romano Dal Forno ottengono sempre grandi apprezzamenti e piazzamenti ai vertici dell’eccellenza, gratificando così l’importante attenzione che viene rivolta  nel lavoro, sia tra i filari che in cantina. I dettagli fanno la differenza e tutta la qualità si ritrova nel calice. I due vini in degustazione oggi a Calenzano: Valpolicella Superiore  e Amarone della Valpolicella, entrambe dell’annata 2013.

155113080116470845104029939203617024302154768110.jpg

Valpolicella Superiore Doc 2013, ho apprezzato molto un intensità fuori dalla norma che sprigiona sentori  di mirtillo, mora, ciliegia, vaniglia e cacao che escono pian pianino con l’ossigenazione. Sicuramente un vino fresco e fruttato, il quale ci potrà confermare in futuro una bellissima evoluzione. Un vino davvero avvolgente e persistente. Ottenuto da Corvina, Corvinone e Rondinella.

Amarone della Valpolicella Docg 2013, mi ha fatto apprezzare una maggiore complessità con  note aromatiche, che spaziano dalle amarene, ai mirtilli, al cioccolato, premoniscono quella sontuosa espressione di frutta matura che scorre in bocca con invadente e interminabile  persistenza. Il finale chiude con sinuose sfumature di tartufo, tabacco e cuoio nuovo. Un vino da custodire in cantina. Ottenuto con Corvina, Rondinella e Oseleta. Poesia nel calice. Chapeau

Questa presentazione richiede JavaScript.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.