Alcuni piatti tipici della Val d’Orcia

La Val d’Orcia è un’ampia valle situata nella parte sud della provincia di Siena in Toscana. Attraversata dal fiume Orcia al centro, dal quale prende il nome, è caratterizzata da stupendi panorami paesaggistici, da dolci colline e da un buon numero di centri di origine medievale. Il cipresso è una delle piante più caratteristiche, accanto a vigneti, oliveti e campi di grano. Cibi, vini e prodotti tipici sono i Pici, i salumi di Cinta senese, la carne chianina, lo zafferano, il tartufo bianco di San Giovanni d’Asso, il miele, le castagne ed i funghi nella parte più vicina all’ antico vulcano, il Pecorino di Pienza, l’olio d’oliva evo, selvaggina e dal 14 febbraio del 2000 i vini della denominazione Orcia Doc. La valle è anche un importante parco, naturale, artistico e culturale. Una meta turistica di sicuro interesse sia per i suoi Borghi che per i suoi cibi ed i suoi ottimi vini. Attraversata dalla Via Francigena, transitata in passato da pellegrini, tuttora viene ripercorsa con grande frequenza da un elevato numero di persone. Veramente una via che ti fa fare un tuffo nel passato, ove il tempo sembra essersi fermato. Dal 2 luglio del 2004 è stata riconosciuta Patrimonio Mondiale dell’ umanità Unesco.

Piatti Tipici della Val d’Orcia

Pici, sono una pasta tipica della zona, simili a spaghetti ma più larghi, ottenuti da un impasto di acqua e farina, anche se alcuni aggiungono una piccola quantità di uova e lavorati a mano. Con questo tipo di pasta, si possono preparare Pici all’Aglione, Pici cacio(pecorino) e pepe, Pici alle briciole, Pici con svariate tipologie di ragù, come ragù di Chianina.

Panzanella, è una preparazione che nasce per recuperare il pane raffermo, semplice da realizzare, gli ingredienti oltre ad il pane sono, pomodori, cetrioli, basilico, sale, pepe, aceto olio evo. In pratica si tratta di un’insalata di pane che viene messo in acqua, per poi essere strizzato, onde togliere l’eccesso di acqua, aggiungere poi gli ingredienti sopra elencati. Un piatto apprezzato, soprattutto nel periodo estivo.

Zuppa di pane, gli ingredienti variano secondo la stagionalità, quindi i contadini usavano i prodotti che trovavano nel proprio orto nel giorno in cui decidevano di preparare questo gustoso piatto. Alla base della preparazione ci sono i fagioli bianchi e ovviamente il pane che talvolta era raffermo.

Tortelli o Ravioli, un piatto molto gustoso, si ottiene dall’impasto di farina, uova, olio evo e sale, vengono farciti con ricotta di pecora, parmigiano, spinaci, bietole, erbe aromatiche, olio evo, sale, pepe ed un tocco di noce moscata. Ottimi con ragù di carne, burro e salvia, al pomodoro e altri vari condimenti. Ogni anno a Contignano, nel mese di agosto si svolge la sagra del Raviolo.

Arrosto misto, è una preparazione semplice e molto gustosa, consiste in carni di pollo, coniglio, agnello, rosticciane, tuttavia possono essere utilizzati altri tipi di carne, a questi va aggiunto, aglio, rosmarino, salvia e alloro, ottimo con patate arrosto.

Scottiglia, consiste anch’esso in carni miste, alle quali viene aggiunto pomodoro a pezzetti o passata di pomodoro e brodo di carne, precedentemente durante la rosolatura, oltre alla cipolla, all’aglio, alla carota e all’alloro viene aggiunto del peperoncino.

Chiocciole, o chiocciole di San Quirico, una preparazione fatta nel tegame con aggiunta di aglio, cipolla, olio, peperoncino, pancetta, vino rosso, brodo di carne e pomodoro, sale e pepe. Va servito con dei crostoni di pane e annaffiato con vino Orcia Doc.

Panforte è un dolce tipico senese che viene sia prodotto che mangiato in Val d’ Orcia, consiste in una ricetta di farina, miele, mandorle, scorze di agrumi candite e spezie. Una preparazione molto gustosa che viene consumata soprattutto nel periodo natalizio, tuttavia, lo si può trovare durante tutto l’anno intero.

Crogetti, è un dolce tipico del periodo di Carnevale che cambia il suo nome in funzione della regione, conosciuto anche come cenci, chiacchiere, frappe, giusto per citarne qualcuno. Si ottengono con un impasto di uova, farina, zucchero, burro, vanillina, una grattugiatina di scorza di limone e un pizzico di sale. Una volta ottenuto l’ impasto e data la forma, vanno fritti e dopo averli scolati, vanno cosparsi di zucchero a velo, o miele.

      Le foto sono state da me estrapolate dal web

Pubblicato da

Ho lavorato a lungo in qualità di Maitre d'Hotel e sono un Sommelier Professionista. Dopo esperienze lavorative in Hotels, è all' Hotel Savoy di Londra che nasce la passione per il vino. Dopo aver frequentato il corso vini al Savoy Training Center, al ritorno in Italia ho frequentato i tre livelli da Sommelier con AIS. Mi piace partecipare alle varie kermesse enoiche e degustazioni guidate, approfondire e condividere le mie esperienze in maniera semplice su questo Blog. Mi piace inoltre calpestare vigneti e visitare aziende vitivinicole. Sono curatore di una rubrica su Ristorazione & Ospitalità. Altra grande passione è lo sci.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.