Un vino per festeggiare il giorno della ”festa degli innamorati” del quale inconfutabilmente te ne innamori. Proprio il giorno di  San Valentino, il 14 Febbraio del 2000 nasce la Doc Orcia. Fortemente voluta da alcuni produttori fondatori del Consorzio del Vino Orcia, con l’ obiettivo di tutelare e promuovere l’immagine del vino e del suo straordinario  territorio. Protagonista indiscusso dei Vini Orcia è il Sangiovese, vitigno che dà origine a vini di grande eleganza e anche di buona struttura.

img_20190902_1644501598556586042602233.jpgLa zona di produzione dell’Orcia Doc è incastonata in un lembo di terra tra due importantissime Docg: il  Brunello di Montalcino ed il Nobile di Montepulciano, due territori a forte vocazione rossista, in un paesaggio di stupenda e unica bellezza. L’ areale si trova nella parte sud della Toscana e più precisamente in provincia di Siena; dodici sono i comuni ove è consentito produrre questo delizioso nettare di Bacco: Buonconvento, Castiglione d’Orcia, Pienza, Radicofani, San Quirico d’Orcia e Trequanda. Inoltre, parte dei comuni di Abbadia San Salvatore, Chianciano Terme, Montalcino, San Casciano dei Bagni, Sarteano e Torrita di Siena.Il magnifico paesaggio della Val d’Orcia, tra le colline toscane, è stato inserito  nella  World Heritage Lista dall’Unesco il 2 luglio del 2004. Secondo l’Unesco questa valle è un eccezionale esempio di come il paesaggio naturale sia stato ridisegnato nel Rinascimento e rispecchia gli ideali del “buon governo” (XIV e XV sec.)

img_20190603_1720421918770522634032135.jpg

Vengono prodotte le seguenti tipologie di vino:

ORCIA
Sangiovese (minimo 60%) più altri vitigni autorizzati dalla Regione Toscana ma non aromatici. Entra nel mercato il 1° marzo dell’anno successivo alla vendemmia.

ORCIA RISERVA
Il vino a denominazione di origine controllata Orcia, sottoposto ad invecchiamento per un periodo non inferiore a 24 mesi, di cui almeno 12 in botti di legno, ha diritto alla menzione “riserva”.

ORCIA SANGIOVESE
Sangiovese: minimo 90%. Possono concorrere alla produzione di questo vino, da sole o congiuntamente, fino ad un massimo del 10%, le uve provenienti dalle varietà Canaiolo nero, Colorino, Ciliegiolo, Foglia tonda, Pugnitello e Malvasia nera.

ORCIA SANGIOVESE RISERVA
Il vino a denominazione di origine controllata Orcia Sangiovese, sottoposto ad invecchiamento per un periodo non inferiore a 30 mesi, di cui almeno 24 in botti di legno, ha diritto alla men­zione riserva.

ORCIA ROSATO
Sangiovese (minimo 60%) più altri vitigni autorizzati dalla Regione Toscana ma non aromatici.

ORCIA BIANCO
Trebbiano toscano (minimo 50%) più altri vitigni autorizzati dalla Regione Toscana ma non aro­matici. Entra sul mercato il 1° marzo dell’anno successivo alla vendemmia.

ORCIA VIN SANTO
Trebbiano toscano e Malvasia bianca lunga (da soli o congiuntamente minimo 50%) più altri vitigni autorizzati dalla Regione Toscana ma non aro­matici. L’uva, dopo aver subito un’accurata cernita, deve essere sottoposta ad appassimento naturale; l’appassimento deve avvenire in locali idonei (è ammessa una parziale disidratazione con aria ventilata) e l’uva deve raggiungere, prima dell’ammostatura, un contenuto zuccherino non inferiore al 26%. La vinificazione e l’invecchiamento devono avvenire in recipienti di legno, i tradizionali caratelli,  di capacità non superiore a 300 litri per un periodo minimo di 18 mesi a decorrere dal 1° gennaio successivo all’anno di raccolta.  Dopo il periodo di invecchiamento obbligatorio può essere contenuto in altri recipienti. L’immissione al consumo non può avvenire prima del 1° novembre del terzo anno successivo a quello di produzione delle uve.

th (20)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.