Ieri di ritorno da Merano, img_20191112_1514181167944419952386636.jpgdopo aver partecipato alla grande kermesse “Merano WineFestival“, con l’amico e collega Gentian Maloku abbiamo deciso di visitare l’azienda vitivinicola Alois Lagader. Percorrendo la Weinstrasse, dopo poco meno di un ora siamo arrivati a Magrè, piccolo comune di 1200 anime della Bassa Altesina, ove ha sede l’ azienda. Una  delle aziende più  storiche dell’ Alto Adige,  infatti è stata fondata nel 1823. La svolta avverrà nel 1934 con l’acquisto della Tenuta Löwengang. img_20191112_1443194514095064737818364.jpgL’azienda vanta oggi 55 ettari vitati interamente coltivati col metodo biodinamico, in varie zone e con terreni, microclima  ed esposizioni  molti variabili.img_20191112_1432324361833741793134025.jpg

Si avvale della collaborazione di alcuni conferitori, alcuni dei quali biologici, alcuni biodinamici ed alcuni convenzionali. La gestione è arrivata alla sesta generazione. Alois Lageder è sinonimo di qualità ed eccellenza in questo straordinario lembo di terra, circondato dalle montagne. Ad accoglierci Carla Piccone,img_20191112_1506442485416249759844396.jpg con grande professionalità, competenza e gentilezza, inizia il tour descrivendoci la storia dell’azienda, per poi arrivare in cantina di vinificazione ed elevagé. Abbiamo concluso la nostra visita con una degustazione di alcuni vini accanto ad un bellissimo e fiammeggiante caminetto, come si suol dire” la ciliegina sulla torta”. Seguono note di degustazione dei vini da noi degustati:

Pinot  Bianco 2018, img_20191112_1530426484049898733294812.jpgSi presenta nel calice con una tonalità giallo paglierino con leggeri riflessi verdolini. Al naso sprigiona sentori floreali di fiori di campo e note di frutta,  in primis di mela e di pesca. Al gusto è  piacevolmente fresco, in perfetta armonia con sapidità e morbidezza. Un vino piuttosto  persistente.

Pinot Bianco Haberle 2018, img_20191112_1531493908644124884829167.jpgsi presenta nel calice con una bellissima tonalità giallo paglierino, brillante. Al naso emergono netti ed eleganti sentori di  mela gialla e di pesca a polpa bianca, a completare lo spettro olfattivo una leggera nuance balsamica. Al gusto, un attacco fresco ben amalgamato con le  parti morbide. Il sorso è ricco ed appagante e di buona persistenza.

Pinot Grigio Porer 2018,img_20191112_1542227091382626953571820.jpg si presenta nel calice con una bellissima tonalità giallo paglierino  con sottili riflessi ramati. Al naso  apre con un fruttato molto fine, ci rimanda sentori  di pesca e di melone, segue una scia poi minerale e leggermente speziata. Al gusto è piacevole e giustamente morbido,  nonché fresco e di lunga persistenza .

Vernatsch Schiava 2018, img_20191112_1549306506276093786053910.jpgSi presenta nel calice con una tonalità rosso rubino scarico. Al naso sprigiona eleganti sentori fruttati e floreali,di ciliegia, di violaciocca e di  melagrano. Al gusto è leggermente tannico, supportato da una buona spalla fresca.Un vino semplice, al contempo piacevole. Finale lungo.

Römigberg Vernatsch 2017, Si presenta anch’esso con una bellissima tonalità rosso rubino img_20191112_1549389084713212433574012.jpgcon riflessi leggermente tendenti al porpora. Al naso è complesso, emergono sentori  floreali, e  poi fruttati ,in primis lampone e prugna, i quali vanno a seguire note di spezie dolci. Al gusto è delicato, leggermente tannico, ti colpisce per la sua avvolgenza e lunga persistenza.

 

img_20191112_1601266839321181573190051.jpgKrafuss, Pinot Noir 2015, si presenta nel calice con una bellissima tonalità rosso rubino,con riflessi granati. Al naso è molto fine, ed intenso, emergono sentori di lamponi, di ribes, di more ,di pepe bianco  e poi di pietra focaia.  Al gusto è molto gradevole, con tannini nobili, fresco ed avvolgente. Un vino di interminabile persistenza. Chapeau

Casòn Rosso Tannat 2015, img_20191112_1610561515187477875527365.jpgsi presenta nel calice con una tonalità rosso rubino con riflessi che virano sul violaceo, impenetrabile. Al naso percettibili note di prugna, di ciliegia, di mora, di tè nero, di cuoio, vanno a seguire una nota finale fume’. Al gusto è caratterizzato da buona morbidezza. Il scorso è pieno e soddisfacente. Un finale lungo e piacevolmente amaricante. Dei sette vini degustati è quello che conosco meno, la mia memoria mi suggerisce di averlo degutsato rare volte.

http://www.aloislageder.eu

img_20191112_1434451134317360616549799.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.