La Tenuta Valdipiatta si trova a Montepulciano, patria dell’omonimo Vino Nobile, nella parte sud della provincia di Siena. Posta a cavallo tra Valdichiana e Val d’Orcia, con vigneti ad un altitudine compresi tra 300 e 350 metri slm. L’azienda vanta 22 ettari vitati, a conduzione familiare. E stata acquistata negli anni’80 da Giulio Caporali,img_20191104_1434336825413673123617011.jpg  ma dal 2002 è gestita dalla figlia Miriam che, seguendo le orme del padre, ha messo a frutto la sua formazione economica all’Università di Roma e i suoi studi enologici presso la prestigiosa scuola di Bordeaux. Miriam Caporali ha fatto del suo lavoro una scelta di vita dedicandosi fin da subito alla valorizzazione del terroir di Montepulciano e dei vitigni autoctoni nel rispetto di una viticoltura consapevole e sostenibile. La Tenuta Valdipiatta ha compiuto negli anni un importante percorso verso un’agricoltura sostenibile e nell’anno 2018 l’Azienda ha avuto la certificazione biologica con l’ottenimento del Marchio Comunitario BIO. Ho conosciuto e degustato i vini di quest’azienda Poliziana, ogni anno all’ Anteprima del Vino Nobile di Montepulciano, nell’omonima cittadina e ieri all’interno dei saloni dell’Hotel Donini a Perugia nell’occasione dell’ evento “Wine Club” organizzato da Partesa.

valdipiatta-sostenibilita-6f2e0d1c.jpegI tre vini da me degustati:

Vino Nobile di Montepulciano 2016: ottenuto con Sangiovese e Canaiolo Nero. Si presenta nel calice con una tonalità rosso rubino, al naso sprigiona un profilo olfattivo di bella eleganza, rimandadoci  a note di piccoli frutti rossi maturi, di violaciocca, di prugne, di  tabacco bruno e di liquirizia. Al gusto è molto soddisfacente, buona la spalla fresca, la quale va di pari passo con una trama tannica avvolgente, abbracciato da un finale incredibilmente persistente.

Vino Nobile di Montepulciano “Vigna d’ Alfiero” 2015:ottenuto con Sangiovese proveniente da vigneti di oltre mezzo secolo di età.   Si presenta nel calice con una bellissima tonalità rosso rubino scuro, al naso emergono netti sentori  intensi e complessi di more, di fiori passiti, di cuoio, di cioccolato ,di pepe e di liquirizia, un bel tripudio. Al gusto apre poi ad un assaggio avvolgente, ricco, strutturato, è caratterizzato da una buona freschezza e morbidezza, un tannino  Nobile e ben levigato, ti fa apprezzare questo vino. La sua persistenza è interminabile.

Pinot Nero 2016: si presenta nel calice con una bellissima tonalità rosso rubino intenso. Al naso un bellissimo spettro olfattivo, ci rimarca sentori di frutta di bosco,in particolare di lampone ,di mora e  di ribes e floreali di violetta e rosa. Al gusto i suoi tannini poco fitti ma al contempo dolci, con una freschezza ben equilibrata dalla componente alcolica, ne fanno un vino molto apprezzabile e di buona struttura con finale lungo.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.