Fattoria Mantellassi

Nell’occasione di Maremmachevini svoltasi il 27 è 28 maggio nel Cassero Senese di Grosseto, ho degustato molti vini delle 35 aziende presenti.32215419_1963848170597835_6296253220771594240_n.jpg Ho degustato le varie tipologie di vini, bianchi, rosati e rossi. Autoctoni e internazionali. Ho apprezzato molto i vini della Fattoria Mantellassi.

L’azienda si trova a Magliano in Toscana, uno dei comuni più grandi della provincia di Grosseto. Viticoltori di antica tradizione, la Famiglia Mantellassi, originaria del Pistoiese, si trasferisce sulle colline di Magliano in Maremma intorno al 1860. Il “mestiere”, negli anni “30”, è quello di innestini e potini, oltre alla gestione di una piccola trattoria e a una piccola produzione di vino. E’ sempre in quegli anni che la famiglia si trasferisce ad Alassio, in Liguria, per curare una malattia infantile del piccolo Ezio, capostipite dell’azienda e padre degli attuali proprietari Giuseppe e Aleardo, dove, con grandi sacrifici ma spinti da una forte volontà e capacità imprenditoriale, diventano albergatori e ristoratori.

Gli affari dunque sembrano andare bene in Liguria ma l’amore per la terra dove è nato riporta Ezio, ormai trentenne, in Maremma. Negli anni ’60 dunque, abbandonata l’attività alberghiera, Ezio e la moglie Silvana acquistano il podere La Banditaccia per piantarci la vigna. E’ una scommessa importante ma fatta di scelte sempre equilibrate e sostenute da quella volontà che li aveva già visti vincitori in Liguria. Una scommessa che, oggi, dopo più di cinquant’anni, con la conduzione dei figli Giuseppe e Aleardo, ha raggiunto il successo non solo in Italia ma anche oltre confine.

Producono vini con vitigni che hanno trovato un habit naturale in questo lembo di terra nel cuore della Maremma. Qui in Maremma tra terra e mare si coltiva la vite e si producono vini sin dal tempo degli Etruschi.  I Vini degustati  a Grosseto sono :

Vermentino Doc 2017bty “Scalandrino”, si presenta nel calice con una bellissima tonalità giallo paglierino, brillante, al naso ti colpisce per una buona complessità che rimanda a sentori di pesca a polpa gialla, fiori di ginestra, erbe aromatiche che seguono una scia agrumata. Al gusto ti sorprende per la sua piacevole freschezza con un bel finale lungo e sapido.

Vermentino Doc 2017 “Lucumone”, btysi presenta nel calice con una bellissima tonalità giallo paglierino, cristallino, al naso ti rimanda a note floreali, fiori d’acacia, susina, pera, maggiorana che vanno a seguire note di pompelmo. Al gusto un attacco fresco ben evidente  ma al contempo gradevole.

 

Querciolaia Doc 2013, bty100% alicante: si presenta nel calice con una bellissima tonalità rosso rubino intenso, al naso  emergono evidenti profumi di frutti di bosco, ciliegia, lampone e fragola ,accompagnate da nuances tostate. Al gusto è caldo, avvolgente, con tannini giovani e ben amalgamati con una bella spalla fresca.

Alcune informazione derivano dal loro sito

Degustazione: Adriano Guerri

 

th (45).jpg
Magliano in Toscana

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.