Prosecco Doc

Il Prosecco Doc è uno dei vini italiani più amati al mondo. Il suo successo è dovuto al suo piacevole profilo fresco ed immediato, contraddistinto da un moderato contenuto alcolico. Eccellenza italiana ed espressione di un territorio delimitato in due regioni del nord-est, quali Veneto e Friuli Venezia Giulia, di cui le province interessate sono nove: Belluno, Treviso, Vicenza, Padova, Pordenone, Udine, Gorizia, Trieste e Venezia, il suo riconoscimento come Doc avviene il 17 luglio 2009 e dopo 4 mesi, più precisamente Il 19 novembre dello stesso anno viene costituito il Consorzio di Tutela. Le sue origini affondano nel lontano ‘600 nell’ omonimo comune a poca distanza da Trieste. Il vitigno principe è la Glera, utilizzato in purezza o con un piccolo saldo di altri vitigni autorizzati sia autoctoni che alloctoni nella misura massima del 15%.

Viene quasi esclusivamente prodotto con il Metodo Italiano o Martinotti, più conosciuto come Metodo Charmat, quindi la seconda fermentazione avviene in grandi recipienti a tenuta di pressione, le autoclavi. Un vino con un eccezionale rapporto qualità-prezzo, che non ha eguali nel mondo. Piace nella stessa misura sia al mondo femminile che al mondo maschile ed è consumato in momenti di convivialità, da solo come aperitivo, ma anche come ingrediente utilizzato in molti cocktails o long drinks, so già vi viene in mente l’ Aperol Spritz.

Viene prodotto in vari dosaggi , ma il più classico è l’Extra Dry. Recentemente è nato il Prosecco Doc Rosé dal connubio di uve Glera e Pinot Nero che da disciplinare ha una permanenza sui lieviti superiore al Prosecco Doc, di 60 giorni. A tavola il Prosecco Doc, in funzione della tipologia è il compagno ideale di molte preparazioni che spaziano dall’ antipasto e che van ben oltre. Lo scorso 19 aprile ho partecipato ad un seminario sul Prosecco Doc on line (webinar) organizzato da Fisar Val di Chiana, devo dire che mi è piaciuto molto ed è stato molto interessante, magistralmente condotto da Luca Giavi, Direttore del Consorzio Tutela Prosecco Doc, prima di congedarci abbiamo degustato 2 tipologie di Prosecco, ambedue con dosaggio Brut. Ringrazio Nicola Masiello “Presidente Emerito Fisar” per il gentilissimo invito che ho accolto con enorme piacere. All you need is wine

Pubblicato da

Ho lavorato a lungo in qualità di Maitre d'Hotel e sono un Sommelier Professionista. Dopo esperienze lavorative in Hotels, è all' Hotel Savoy di Londra che nasce la passione per il vino. Dopo aver frequentato il corso vini al Savoy Training Center, al ritorno in Italia ho frequentato i tre livelli da Sommelier con AIS. Mi piace partecipare alle varie kermesse enoiche e degustazioni guidate, approfondire e condividere le mie esperienze in maniera semplice su questo Blog. Mi piace inoltre calpestare vigneti e visitare aziende vitivinicole. Sono curatore di una rubrica su Ristorazione & Ospitalità. Altra grande passione è lo sci.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.