In ogni regione italiana vengono prodotti vini dolci, con vari vitigni, tra i più utilizzati, ci sono il Moscato e la Malvasia, tuttavia, vengono utilizzate tantissime altre uve provenienti da diversi vitigni. La maggior parte dei produttori ne produce almeno uno. I metodi di ottenimento sono vari: appassimento delle uve, vendemmia tardiva, uve attaccate da muffa nobile, icewine e vini fortificati. Per ogni regione, me ne è venuto in mente uno. In questo iter dedicato a questo pregiato nettare, ho iniziato dal nord Italia, in un percorso che terminerà con il sud, attraversando ogni regione. Ogni vino verrà descritto in maniera molto sintetica. Le foto derivano dal web. Grazie per l’attenzione.

Toscana. Vin Santo. Secondo la leggenda il nome Vin Santo deriva dal Concilio di Firenze del 1439, quando il metropolita greco Giovanni Bessarione proclamò, mentre stava bevendo il vin pretto: “Questo è il vino di Xantos!”, forse riferendosi a un certo vino passito greco di Santorini.I suoi commensali, che avevano confuso la parola “Xantos” con “Santos”, credettero che egli avesse scoperto nel vino qualità degne di essere definite “sante”. In ogni caso, da quel momento il vin pretto fu chiamato Vin Santo. Esistono tuttavia, altre versioni da cui deriverebbe il nome di questo particolare nettare. Dalla città del Palio si parla di un frate francescano che nel 1348 curava le vittime della peste con un vino che era comunemente usato dai confratelli per celebrare messa; subito si diffuse la convinzione che tale vino avesse proprietà miracolose, portandogli l’epiteto santo. Il Vin Santo toscano (o vinsanto) è un vino prodotto da uve lasciate appassire dopo la raccolta. Il vin santo viene spesso abbinato al dessert.  Questo vino  tradizionalmente viene prodotto in Toscana e in Umbria, è ottenuto con uva di tipo Trebbiano e Malvasia. Tuttavia, viene prodotto anche in altre regioni italiane. Può essere anche prodotto con uve a bacca nera, quali il Sangiovese e in questo caso si parla di Vin Santo Occhio di Pernice.

Marche. La Vernaccia di Serrapetrona Docg è un vino spumante rosso naturale, che si può ottenere per l’85% dal vitigno autoctono vernaccia nera e il restante 15% da Sangiovese, Montepulciano o Ciliegiolo. L’uva migliore viene disposta in apposite stanze perchè appassisca, il resto viene pigiato al momento della raccolta ed inserito in fermenti d’acciaio per la prima fermentazione. Dopo circa due /tre mesi anche l’uva passita viene pigiata e lasciata fermentare (seconda fermentazione). Le due parti, parzialmente fermentate, vengono infine unite ed inserite in autoclave affinchè avvenga la terza fermentazione. L’ambiente a tenuta stagna permette che durante il processo di rifermentazione e presa di spuma, non si disperdano anidride carbonica, profumi, aromi e fragranza naturali. Il risultato è un vino dalla spuma a grana fine dal perlage sottile e persistente, dal colore rosso con sfumature che vanno dal granato al rubino. Un vino dal profumo aromatico di frutta rossa del sottobosco di confettura e spezie. Può essere prodotto nelle tipologie secco e dolce.Tuttavia, viene prodotto anche nella tipologia fermo e Passito.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 15931224116697349271249488097038.png

LazioAleatico di Gradoli Passito Doc, perla enologica italiana, unica e rara viene prodotto in zona microzona nei territori dei comuni di Gradoli, Grotte di Castro, San Lorenzo Nuovo e Latera, posti intorno al Lago di Bolsena in provincia di Viterbo. La Doc risale al 1972. I terreni in questo magnifico lembo di terra sono di origine vulcanica e assieme ad un clima ideale per la coltivazione della vite, danno origine a vini di eccellente qualità. Questo vitigno proveniente dalla Grecia, è passato prima per la Puglia, per poi arrivare a Gradoli e nei comuni contermini.Un vitigno che ha trovato un habitat ideale nei pressi del Lago di Bolsena. La tipologia Passito è di un bellissimo colore rosso granato, all’olfatto sprigiona sentori di frutta matura, soprattutto di frutti di bosco, viola appassita e confetto. Al gusto è piacevolmente dolce, mai stucchevole, in un buon equilibrio con tutte le altre componenti. Un vino molto persistente. Un vino che non si trova con facilità, ho avuto il piacere di degustarlo a Piacenza, nell’ occasione del Mercato dei Vignaioli Fivi.

UmbriaMontefalco Sagrantino Passito Docg, è uno dei grandi vini rossi passiti italiani , una perla enologica, molto apprezzato sia in Italia che nel resto del mondo. L’areale si trova in Umbria ed in provincia di Perugia. Questo pregiato nettare viene prodotto oltre al comune di Montefalco, nei comuni di Bevagna,  Gualdo CattaneoGiano dell’Umbria e Castel Ritaldi. Il Sagrantino sembra sia giunto in Umbria ad opera dei frati Francescani dall’Asia Minore, mentre altri sostengono che sia arrivato dai monaci bizantini provenienti dalla Grecia, intorno al 1100. In attesa di conoscere l’origine del nome di alcuni ricercatori, alcuni ipotizzano che derivi da sagrestia, in quanto veniva usato durante le messe. Le uve vendemmiate vengono sottoposte ad appassimento in appositi locali, idonei per questa pratica, ottenendo una concentrazione zuccherina ideale per poi vinificare le uve. La trama tannica è elevata, ma con un buon equilibrio tra acidità e dolcezza , si ottiene un vino pieno ed armonico. A livello sensoriale è di un colore rosso rubino tendente al granato, impenetrabile, all’olfatto dipana eleganti sentori di mora, frutta secca, cannella, buccia di agrumi canditi e spezie dolci. Al palato è piacevolmente fresco e puntualmente si ritrovano tutte le sensazioni percepite al naso, un vino persistente con una buona morbidezza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.