Champagne Brut Millésimé 2013 Maison Taittinger, ottenuto da 50 % Chardonnay e 50% Pinot Noir, la permanenza sui lieviti è di 60 mesi, si presenta nel calice con una bellissima tonalità giallo paglierino carico con riflessi che virano sul dorato , al naso è ricco e complesso, dipana eleganti sentori di frutta fresca e agrumi, come pompelmo e frutti di bosco arricchiti da una vena minerale e accenni di pane tostato. Al gusto ti colpisce per la sua piacevole freschezza, è cremoso ed invitante, dotato di grande energia che conduce ad un finale lungo e duraturo. Chapeau

img_20200804_195323439055138150691846.jpg
Degustazione del 4 agosto 2020

Taittinger è un prestigiosissima  Maison con sede a Reims, nella celeberrima regione Champagne. Fondata nel 1734 da Jacques Fourneaux, ma sarà  nel 1932, anno in cui  Pierre  Taittinger, un ufficiale della Cavalleria francese, acquisisce la maison. Una marca che ha occupato un posto di rilievo nel panorama vitivinicolo francese ed internazionale. La Maison possiede oltre 280 ettari di vigneti sparsi in 34 diversi cru, in ogni parte della regione, vanta inoltre  alcuni fedeli conferitori  di  uve. Il vitigno principe e prediletto da Taittinger è lo Chardonnay, anche se non mancano il Pinot Nero ed il Meunier.

Taittenger
Gentian Maloku ed Io

Lo scorso 9 dicembre, con amici e colleghi operanti nel settore della ristorazione e hotellerie, e con i quali condivido la stessa passione per il nettare di Bacco, ho visitato la sede, a pochi km di distanza dalla cattedrale di Notre Dame de Reims. Al nostro arrivo siamo stati accolti con gran classe e gentilezza dal Sig. Jean-Pierre Redont, Vip e Hospitality Ambassador della Maison. Dopo un discorso introduttivo,  in una sala attrezzata abbiamo assistito alla proiezione relativa alla storia della Maison Taittinger,  con dettagli generali sulla Champagne e sullo champagne. Siamo inoltre scesi nel sottosuolo a diversi metri di profondità, ed abbiamo spaziato nella crayeux, scavate dai Romani. Il tour è stato guidato dal Sig. Jean-Pierre Redont. Durante il percorso in questo sito iscritto alla lista Unesco Patrimonio dell’Umanità, abbiamo avuto nozioni dettagliate, tra milioni di bottiglie, all’interno delle quali i lieviti svolgono il  proprio compito con permanenza più o meno lunga, secondo la tipologia di vino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.