vigne-1Le Caves Coopératives de Donnas è una cooperativa fondata nel 1971, da un gruppo di viticoltori, dopo aver ottenuto la Denominazione di Origine Controllata al vino di Donnas, con il preciso scopo di tutelare e garantire la qualità e genuinità del vino. La cooperativa a sede a Donnas, un piccolo paese della Bassa Val d’Aosta, posto a 300 metri sul livello del mare.
ff4eb3c7dfbeecf287af6911eedde846La cantina è dotata dei più moderni impianti di vinificazione e di una lunga linea di botti in rovere per l’invecchiamento, con una una capacità d’incantinamento di circa 1600 hl, provvede infatti alla raccolta delle uve, alla vinificazione e alle commercializzazione del vino per una produzione annua media di 150.000 bottiglie.

vigne-9
Immagine dal sito

La viticoltura a Donnas, ha infatti tradizioni antichissime, anche se è una coltivazione difficile tenuto conto della forte pendenza della montagna. Ma i ripidi declivi sono vinti dai terrazzamenti secolari trattenuti da muri alti anche 4 metri. La cantina Caves Cooperatives de Donnas è uno dei portabandiera della cosiddetta viticultura eroica. Donnas, per molti secoli ”capitale” della Bassa Valle, gode, nell’ambiente alpino, di un clima mite che permette di coltivare piante mediterranee (ulivo, limoni, palme , mimose) ma che soprattutto favorisce la coltivazione della vite, oggi come nel passato, come è dimostrato da numerosi documenti storici di diversi secoli, tra cui due del 1200.

IMG_20171127_101318.jpg
Gentian di fronte all’ azienda

Le vendemmie iniziano a Settembre col Pinot Grigio, proseguono ad inizio Ottobre col Vien de Nus, per il vino da tavola, e nella seconda metà di Ottobre col Nebbiolo-Picotendro e terminano a metà Novembre con la vendemmia tardiva dei grappoli già leggermente appassiti di Nebbiolo per il Vieilles Vignes.

A Donnas, da sempre si coltiva il Nebbiolo , vitigno per grandi rossi da invecchiamento e di cui si hanno notizie a partire dal 1200,  con la denominazione Picotendro o Picotener ( Piccolo e tenero).  Accanto al Nebbiolo, vengono coltivati i vitigni da uve rosse di Freisa e Neyret, anche questi con caratteristiche diverse dagli omonimi piemontesi, e gli autoctoni Vien de Nus e Fumin. Per i bianchi, sicuramente già nel 1800, si coltivava l’Erbaluce e poi in tempi più recenti, si è introdotto il Pinot Gris. Da segnalare che un tempo era molto più diffuso il Prié blanc, che è utilizzato come uva da tavola perché matura presto, lo si consuma già per il patrono di Donnas, S. Pietro in Vincoli, il 1° agosto.

Con l’ amico ed ex collega Gentian ci siamo fermati in questa cantina per acquistare alcuni vini nell’ enoteca dell’ azienda. Personalmente sono andato a sciare a La Thuile per ben 6 anni, e ho avuto modo di conoscere bene le pendenze delle piste da sci ed affrontarle nel miglior modo possibile, ma anche la possibilità di bere e o degustare molti vini di questo paradiso di terra, quindi mi ha fatto un enorme piacere scendere dall’ auto e fare una fermata a Le Caves Coopératives de Donnas. Le informazioni derivano dal sito http://www.donnasvini.it

avatar_15134895712138522009875793690966.jpg
Novembre 2017

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.