Degustazioni

Orcia Doc a San Giovanni d’Asso

th2Domani 9 novembre dalle ore 11 alle 13 nel Castello di San Giovanni d’Asso avrà luogo una degustazione di una selezione di vini Orcia Doc, guidata dall’enologo Paolo Vagaggini. La Presidente Donatella Cinelli Colombini e i produttori del Consorzio Vino Orcia saranno lieti di vedere operatori e stampa partecipare a questo evento. Con grande rammarico non sarò presente, ma vorrei condiverlo con tutti coloro che mi seguono. Non mi resta che augurarvi buona degustazione. “Orcia il vino più bello del mondo”.

download
Castello di San Giovanni d’Asso

Il primo San Valentino di questo millennio, il 14 Febbraio del 2000 nasce la Doc Orcia. Fortemente voluta da alcuni produttori fondatori del Consorzio del Vino Orcia, con l’ obiettivo di tutelare e promuovere l’immagine del vino e del suo straordinario  territorio. Protagonista indiscusso dei Vini Orcia è il Sangiovese, vitigno che parla molto bene il Toscano, si sa esprimere molto bene e i produttori dopo anni di esperienza hanno imparato molto bene ad interpretarlo.

La zona di produzione dell’Orcia Doc si trova nella parte sud della provincia di Siena, è incastonata in un lembo di terra tra due importantissime Docg; il  Brunello di Montalcino e il Nobile di Montepulciano, due territori a forte vocazione rossista che danno vita alla produzione di grandi vini, apprezzati in tutto il pianeta. Non sono il primo a dirlo. Dodici sono i comuni compresi nella denominazione: Buonconvento, Castiglione d’Orcia, Pienza, Radicofani, San Quirico d’Orcia e Trequanda. Inoltre, parte dei comuni di Abbadia San Salvatore, Chianciano Terme, Montalcino, San Casciano dei Bagni, Sarteano e Torrita di Siena.

Il magnifico paesaggio della Val d’Orcia, tra le colline toscane, è stato inserito  nella  World Heritage List dall’Unesco nel 2004,il 2 luglio, mentre nella vicina Siena si disputava il Palio.Secondo l’Unesco questa valle è un eccezionale esempio di come il paesaggio naturale sia stato ridisegnato nel Rinascimento e rispecchia gli ideali del “buon governo” (XIV e XV sec.) tipici della città-stato italiana, i cui splendidi luoghi sono stati celebrati dai pittori della Scuola Senese, fiorita tra il XIII ed il XV secolo.

All you need is wine

nor

 

 

 

3 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.