Tua Rita

By Adriano Guerri
Oggi per la prima volta insieme a un amico e collega Gentian, ho visitato Suvereto, un comune italiano di 3 043 abitanti della provincia di Livorno in Toscana. Il paese è uno dei comuni della Val di Cornia, sede di importanti aziende vinicole e fa parte dell’associazione Città del Vino. Fa parte del circuito de I borghi più belli d’Italia. La frazione di Prata è nota per essere la zona d’origine e di produzione del Lazzero di Prata, una pregiata tipologia d’olivo che prende il nome dalla località.dig
Il borgo di Suvereto ha l’aspetto tipico di un comune medioevale caratterizzato dalla presenza nel punto più alto del paese dei resti dell’antica rocca,in questo caso quelli della Rocca Aldobrandesca.La rocca porta il nome dell antica famiglia comitale quella degli“Aldobrandeschi”. Dopo una sosta in un ristorante, percorriamo una strada che ci porta a Tua Rita,visitiamo l’azienda e all’interno troviamo banchi d’assaggio di notissime aziende italiane,francesi, austriache e tedesche.dig
Tua Rita
Ci viene spiegato quando, nel 1984, Rita e Virgilio decisero di acquistare quella che sarebbe diventata Tua Rita, quei terreni e quei fabbricati dovevano essere soltanto la cornice di un luogo dove vivere a contatto con la natura, coltivando la propria terra. Ma la spinta irrefrenabile della passione per il vino cambiò decisamente le cose. Inizialmente doveva essere la Tenuta per riposo con orticello.
 Dagli originari 2 ettari di vigneto, coltivati fin da subito con il massimo rigore e che collocarono Tua Rita fra le prime felici esperienze italiane costruite sul modello del “vin de garage”, nello spazio di una decina di anni si giunse a 9, poi a 20, all’inizio del nuovo millennio, per arrivare agli attuali 40 ettari di vigneto.dig
Una crescita che incrociava l’originaria e intatta passione di Rita e Virgilio con la consapevolezza sempre maggiore delle potenzialità di quella terra, posta tra il mare Tirreno e le colline Metallifere, che si chiama Val di Cornia.A un tiro di schioppo dall’isola d’Elba che dona ventilazione,che in annate come il 2017 è un toccasana per la vite.La gestione agronomica e di cantina non poteva progredire senza l’impegno di Rita e Virgilio, quella dell’immagine e del marketing non poteva svilupparsi senza il lavoro di Stefano Frascolla, marito di Simena, figlia dei titolari, anche lei, dopo la scomparsa di Virgilio, nel 2010, impegnata nella gestione aziendale.Il nome dell’azienda si deve ad una semplice inversione fra il nome e il cognome di Rita Tua.
Vini degustati oggi
Rosso dei Notri
Blend di Sangiovese, Cabernet, Sauvignon, Merlot e Syrah, ottenuto dai vigneti più giovani, è il vino che da sempre introduce all’articolato e affascinante mondo dei rossi di Tua Rita.Tonalita’ rossso rubino che abbracci una bellissima vivacita’,bella complessità con sentori che rimandano a ciliegia pepe nero con nuances di liquirizia e note balsamiche.Buona persistenza con attacco tannico ben evidente ma al contempo contraddistinto da una bella morbidezza.
 
dig
Syrah,a chi domandava a Virgilio, fondatore dell’azienda insieme alla moglie Rita, quale dei vini della produzione preferisse, lui rispondeva senza esitazione: “La Syrah, per sempre”.Uno dei vini di punta a limitatissima tiratura dell’azienda Tua Rita esiste solo per la caparbietà di Virgilio e per la sua voglia di sperimentare.
Accanto ai vigneti tradizionali volle la Syrah: curò personalmente il vigneto, lo osservò, cercò di capire la sua capacità di integrazione con il territorio e aspettò fino a quando non decise che i frutti erano pronti per una vinificazione autonoma.
Dopo 18 mesi di barriques l’evoluzione organolettica era meravigliosa e le certezze di Virgilio furono subito confermate da stampa e mercato.L’etichetta è dedicata a colui che l’azienda l’ha fondata e che ha trasmesso a tutti coloro che ci lavorano l’amore ed il rispetto per il territorio, unito alla ricerca continua e meticolosa della qualità…PER SEMPRE!Per sempre mi rimmarrai impresso nella mia esperienza degustativa.
 
Giusto di Notri ,porta nel suo nome l’omaggio ad uno degli edifici religiosi più belli di Suvereto, la chiesa di San Giusto, e al primo vigneto aziendale piantato in località Notri.
Prodotto per la prima volta nel 1992 è un vino a base di Cabernet.Il vino “anima” di Tua Rita accompagna la cantina dalla sua nascita e testimonia, nel suo essere, la sua filosofia: novità, sperimentazione, innovazione uniti al rispetto dei ritmi naturali e all’amore per la terra di produzione.
20 anni di storia: le vigne che crescono, le annate che cambiano, le tecniche diverse trovano come unico filo conduttore la ricerca dell’eleganza. Il frutto più meditato dell’azienda è l’armonia dell’evolversi del gusto di chi lo produce, la conoscenza acquisita del territorio e la maturità di vigneti dai quali proviene. Bella complessità, incredibile persistenza, il vitigno si esprime bene, sembra l’italiano la seconda lingua,dopo il francese.
 
dig
Redigaffi ,è un Merlot in purezza che deve il suo nome ad un piccolo torrente che scorre vicino alla proprietà. Quando nel 1994 ,Rita e Virgilio sottrassero alla produzione due barriques di Merlot, forse non pensavano di aver creato quello che sarebbe divenuto un cult-wine internazionale.
Da quelle vigne piantate nel 1988, nel cuore dell’azienda in leggero declivio, nasceva un frutto eccezionale. La loro posizione, la composizione dei terreni ed i microclima nella loro combinazione avevano dato vita a questo vino unico nel suo genere.Primo vino italiano ad ottenere i 100/100 di Robert Parker.
 
Nell’occasione della visita,ho visto con i miei occhi l’alta intensità di impianto,i processi di vinificazione nel dettaglio,l’inizio dell’uso della terracotta,la parte destinata all’invecchiamento o elevage che dir si voglia, divisa da una parte dove i vini svolgono la fermentazione malolattica.Le barriques rigorosamente di primo e massimo secondo passaggio asseconda dei vini. Bellisssima idea quella della sovrapposizione delle barriques rotanti,cosi si può avere una sorta di remuage che per questi vini può essere chiamato batonnage.E’ stato veramente un piacere aver visitato Tua Rita, l’unica nota negativa é tornare via.

digdig

 

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.