La Fattoria di Lamole si trova nell’omonima località a poca distanza da Greve in Chianti, nel cuore del Chianti Classico. Lamole è un piccolo fazzoletto di terra, racchiuso alle pendici del Monte San Michele. Da millenni le lamulae (gli appezzamenti di terreno pianeggiante in un versante scosceso) si sono prestate mirabilmente alla coltivazione della vite. Già Lorenzo De’Medici “il Magnifico”, apprezzava il vino di Lamole e il geografo granducale Emanuele Repetti (1833) sottolineava il fatto che Lamole si potesse raggiungere soltanto a piedi ma anche che le viti piantate fra i sassi di cotesto poggio danno il buon vino di Lamole contanto lodato.

La Fattoria di Lamole custodisce da sempre l’identità irripetibile del piccolo borgo. Dal 2003 è iniziato il recupero delle terrazze e dei saperi dell’antica civiltà enoica lamolese che era scomparsa quando a seguito dell’esodo dalle campagne, negli anni ’50-’60, la popolazione passa da 900 a 70 abitanti. La viticoltura terrazzata, priva di braccia per la coltivazione manuale, scompare e viene sostituita da metodi di impianto del vigneto e di coltivazione meccanizzata omologati a quelli di aree viticole diverse. 

Nel 2018 l’azienda prosegue nella ricostruzione dei muretti a secco degli storici terrazzamenti grazie al prezioso contributo di O.P.R.A Equipe.

Un luogo fatto di passione contenuta a fatica dalle piccole terrazze sassose che rendono coltivabile il versante scosceso, un luogo per pochi, pazienti produttori.

Con l’amico e collega Gentian Maloku abbiamo deciso di visitare la Fattoria di Lamole, visto che quest’anno a causa dell’emergenza Covid-19, Expo del Chianti Classico, che si svolge ogni anno nella splendida piazza grevigiana è stato fortemente rimaneggiato. Nella Piazza di Greve in Chianti c’erano i vini in degustazione in un unico padiglione serviti da Sommeliers, ma senza i singoli stands dei produttori. Gli organizzatori hanno così pensato di dare la possibilità di andare direttamente in azienda con auto propria nelle aziende aderenti. Siamo stati ricevuti dal Signor Paolo Socci, il quale ci ha illustrato la storia dell’azienda e della famiglia, mostrandoci foto dei suoi antenati. Il tutto si è svolto sorseggiando i suoi vini sotto l’ombra di una pianta e godendo di un panorama di rara e unica bellezza. La Fattoria di Lamole è posta a 600metri s.l.m., nei vigneti il vitigno principe è il Sangiovese, tuttavia si trovano anche alcune parcelle di Chardonnay e Sauvignon Blanc. I vini da noi degustati sono di elevata qualità, vini ben fatti, molto piacevoli, sono stati da noi molto apprezzati.

I vini da noi degustati sono: Le Stinche 2018, ottenuto da 50% Chardonnay e 50% Sauvignon, Chianti Classico 2014, ottenuto con Sangiovese in purezza, Chianti Classico Riserva 2013, ottenuto con Sangiovese in purezza e Lama della Villa Igt 2013, ottenuto anch’esso con Sangiovese in purezza. La Fattoria di Lamole produce anche un Chianti Classico Gran Selezione Vigna Grospoli e Le viti di Livio Igt, anch’essi ottenuti con Sangiovese in purezza.

N.b. alcune notizie derivano dal loro sito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.