da sinistra Davide Ancillotti, Malcolm Leanza e Roberto Negrini.jpgCantina Colline del Chianti-Cantina Sociale di Certaldo

Vivito

Legacoop Toscana

*************************************

Comunicato Stampa, 12 agosto 2020

Due cantine cooperative della Val d’Elsa verso la fusione. Cantina Colline del Chianti, con sede a Poggibonsi, e Cantina Sociale Certaldo. I 700 soci hanno scelto all’unanimità. Oltre 105.000 i quintali di uva lavorata ed un valore della produzione che raggiunge i 12,5 milioni di Euro

Nasce Vivito, la principale realtà cooperativa toscana nel settore vitivinicolo

Davide Ancillotti, presidente in pectore di Cantine Vivito: “Il primo e più importante passo è stato compiuto in vista di dicembre. Un percorso iniziato prima della pandemia, entrambe le strutture operano con margine remunerativo e senza debiti. I soci conferitori e finanziatori  potranno contare su più stabilimenti, su un maggiore potere d’acquisto e stoccaggio, su una maggiore capacità logistica e finanziaria, su maggiori possibilità di reddito”.

Con oltre 105.000 quintali di uva lavorata ed un valore della produzione che raggiunge i 12,5 milioni di Euro, i soci delle cantine cooperative di Certaldo e Poggibonsi, circa 700, danno vita alla più grande aggregazione regionale di viticoltori:  Vivito s.c.a, acronimo di Vini di Viticoltori Toscani. Un soggetto cooperativo in grado di valorizzare le eccellenze delle principali denominazioni toscane: Chianti, Chianti Classico e Vernaccia di San Gimignano oltre a numerosi Igt. Le produzioni spaziano dal territorio del Chianti fiorentino e senese fino alla Maremma grossetana garantendo alla filiera significativi volumi di vino prevalentemente sfuso.

I soci hanno deliberato all’unanimità il progetto di fusione tra le due cantine cooperative valdelsane, aderenti a Legacoop Toscana, ovvero tra la Cantina Sociale di Certaldo e la Cantina Colline del Chianti di Poggibonsi in cui era già confluita la storica Cantina di Geggiano, perla del Chianti Classico bandiera della tradizione cooperativa promossa dalla figura del senese Ranuccio Bianchi Bandinelli, intellettuale ed illuminato latifondista che donò parte dei possedimenti a mezzadri e coloni. Ai 1250 ettari di superfici vitate dei soci, si aggiungono gli oltre 400 ettari di proprietà delle aziende agricole di Montagnana (in provincia di Firenze) e Scarna (in provincia di Siena) portate in dote a Vivito dalla fusione delle due cantine.

Gli amministratori e presidenti delle due cooperative, ovvero Davide Ancillotti e Malcolm Leanza, sono riusciti a portare le rispettive aziende verso un unico soggetto che può contare su un patrimonio netto di 9,5 milioni di disponibilità liquide per 2,2 milioni e di un valore della produzione pari a 12,5 milioni a fronte di 1,7 milioni di capitale sociale, 0,5 milioni di debito verso i soci e nessun debito verso banche. Tutto questo a partire da un progetto industriale che guarda al futuro. Per questo è prevista la riqualificazione dello stabilimento di Poggibonsi per un investimento di 700mila euro, è previsto l’acquisto di macchinari per avere sfuso con ottimi parametri per circa 180mila euro di investimenti, sono previsti reimpianti nelle vigne, investimenti sulle aziende agricole e formazione al personale.

“Si tratta di un progetto di fusione importante che coinvolge due cantine molto radicate sul territorio e getta le basi per la costituzione di un nuovo soggetto cooperativo solido – afferma il presidente di Legacoop Toscana Roberto Negrini – La realtà che nasce parte da numeri significativi, anche sul piano della base sociale, ed è in grado di crescere ancora: un segnale positivo per il settore vitivinicolo”.

Soddisfatti anche i due presidenti. “Il primo e più importante passo è stato compiuto in vista dell’atto finale fissato per il prossimo dicembre – fa notare Davide Ancillotti, indicato come il presidente in pectore di Vivito – Si tratta di un percorso progettuale, iniziato prima della pandemia, per cui non sussistono elementi di necessità: entrambe le strutture operano infatti con un margine remunerativo e senza debiti. Sono evidenti gli elementi di opportunità che vanno a beneficio dei soci conferitori e finanziatori delle due organizzazioni i quali potranno contare su più stabilimenti, su un maggiore potere d’acquisto e stoccaggio, su una maggiore capacità logistica e finanziaria. In sintesi, su maggiori possibilità di reddito. Personalmente ringrazio i soci che, confermando la fiducia nel mio operato, mi consentono di tornare con entusiasmo a quello che considero il mio ruolo più calzante ovvero quello di produttore primario di uva e vinificatore: il primo anello della filiera vitivinicola quello che funge da collettore tra il vignaiolo ed il tino”.

Sulle prospettive che si aprono interviene anche Malcolm Leanza, designato, insieme a Duccio Toni, attuale vice presidente di Certaldo, alla vicepresidenza e attuale presidente di Cantina Colline del Chianti. “Cogliendo l’opportunità offerta dal buono stato di salute delle due aziende, degli ottimi rapporti in essere, dall’accentuata complementarità delle produzioni e non ultimo dalla vicinanza territoriale, abbiamo proposto ai soci di creare un soggetto cooperativo capace di affrontare i sempre più rapidi mutamenti delle dinamiche economiche, tecnologiche, commerciali ed anche generazionali che interessano la viticoltura”. Non si tratta di sommare due organizzazioni, aggiunge Leanza. “Si tratta di azionare il meccanismo di moltiplicazione delle potenzialità in essere e delle capacità già dimostrate nel corso della lunga storia di Cantina Colline del Chianti e Cantina Sociale di Certaldo e di quella di Geggiano che dal 2009 è parte di Cantina Colline del Chianti. Vivito consolida i risultati veicolando ogni investimento futuro in un soggetto cooperativo capace di rappresentare una quota rilevante delle produzioni della Val d’Elsa, del Chianti fiorentino, del Chianti senese e dei territori contigui”.

Vivito avrà sede legale a Certaldo (in provincia di Firenze), luogo dello stabilimento maggiore, ed avrà altre tre unità produttive ovvero quella di Poggibonsi (in provincia di Siena) all’uscita di Colle-Sud sulla superstrada Siena-Firenze, che unitamente ai terreni in produzione ricade sui tre comuni di Poggibonsi, Colle val d’Elsa e Monteriggioni, quella di Geggiano nel Comune di Castelnuovo Berardenga e quella di Montagnana a cavallo tra il Comune di Montespertoli e di San Casciano Val di Pesa.

Fonte: Susanna Salvadori Ufficio Stampa

l'assemblea dei soci al'aperto.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.